As We May Edit. Risalire dalla pratica alla teoria nell’ambito dell’edizione filologica potenziata dal digitale

Testo di un Seminario tenuto presso l’ILC (Istituto di Linguistica Computazionale) di Pisa

Le considerazioni che seguono, proposte in un contesto come quello dell’ILC e di fronte a un pubblico in cui sicuramente le storie di formazione scientifica informatica prevalgono su quelle a carattere umanistico, hanno rappresentato innanzitutto per me, filologa entrata in contatto a un certo punto della propria carriera con il mondo informatico, un’occasione per un bilancio personale, fatto anche di personali delusioni rispetto ad alcune aspettative non pienamente soddisfatte, e di un bilancio meno personale e più disciplinare nato dalle questioni, entusiasmi, perplessità, difficoltà sollevate dagli studenti (tanto studenti non ancora laureati quanto dottorandi) in occasione degli incontri/corsi tenuti relativamente all’argomento che potremmo un po’ grossolanamente definire “edizione digitale”. Passando dal personale al generale, mi sembra tuttavia che la necessità di bilanci sia un’istanza che scuote la disciplina stessa – a partire dalla sua stessa definizione e dalla delimitazione dei suoi campi di indagine.

Il bilancio personale, ma spero con una valenza un po’ più che personale, che ho tratto dalla mia esperienza e dalla mia osservazione e riflessione a partire dalla letteratura sul tema e non solo dalla pratica, e di cui vorrei fornire a seguire qualche elemento, ruota essenzialmente intorno all’inquietudine per il rischio di quella che definirei ‘La solitudine dell’umanista’: un eccesso di autonomia, autodidattismo e semplificazione in ambito informatico da parte dell’umanista rischiano di condannarlo a un’arretratezza tecnica che si rivela in ultima analisi anche arretratezza intellettuale. Il rischio maggiore per gli umanisti è quello di praticare un’‘informatica archeologica’, come dimostra il caso che si discuterà relativo all’utilizzo di XML come linguaggio di markup testuale. A questa solitudine si può far fronte in un solo modo, ed è un piccolo appello: attraverso una maggiore ingerenza, e forse interesse, da parte degli informatici. Sul modello ideale di quella coppia Busa-Talman che verrà evocata a seguire. Il che porta a interrogarsi in ultima analisi sulla fattibilità e la liceità di una figura unica, quella del così detto ‘umanista digitale’. Personalmente, si tratta di una soluzione, di una figura, che benché realizzabile in alcuni casi per inclinazione e capacità individuali, mi sembra alquanto discutibile se non fragile nel momento in cui viene istituzionalizzata come figura disciplinare ufficiale attraverso un percorso universitario mediamente definito in Digital Humanities. Il grado di specializzazione richiesto in entrambi i campi, quello propriamente umanistico e quello propriamente informatico, per poter approdare a risultati significativi, mi fa propendere per la collaborazione dialettica piuttosto che per la monade onnisciente, puntando alla costruzione di un corpo-ricercatore a due teste e due cuori che si proponga come un vero e proprio Giano bifronte che guarda però non in direzioni opposte ma nella stessa direzione.

Cominciamo a monte prima di passare alle problematiche specificatamente relative testo. Un primo cambiamento di prospettiva che mi sembra necessario dovrebbe interessare il momento della formazione: in luogo della pratica ormai invalsa di organizzare delle scuole/corsi/workshop rivolti agli umanisti e orientati sopratutto, purtroppo, verso la dimensione dell’atelier pratico (occasioni didattiche in cui si forniscono agli umanisti dei rudimenti informatici, i quali umanisti dovrebbero poi, con questi rudimenti, costruire il proprio, innovativo, progetto di informatizzazione del metodo filologico), proporrei al contrario dei momenti di incontro organizzati da umanisti e rivolti a un pubblico di informatici affinché gli informatici (ovviamente quelli con interessi verso il mondo della testualità) si rendano conto di quelle che sono le esigenze e le aspirazioni degli studiosi del fenomeno-testo, sotto tutti i suoi molteplici punti di vista, e offrano di conseguenza le soluzioni tecniche più appropriate o decidano di impegnarsi in un processo di soluzione. Incontri in cui dovrebbe innescarsi quindi un processo virtuoso di feedback tra i due mondi, in cui entrambe le componenti si possano esprimere ai massimi livelli: dobbiamo avere, dovremmo avere, sarebbe auspicabile che avessimo cioè un solido metodo filologico in dialogo con un’informatica aggiornata alle ultime novità. Il che mi sembra anche un atto di rispetto nei confronti dell’informatica, che è una disciplina a pieno titolo, con una sua storia e una sua dimensione di riflessione intellettuale, e non una mera tecnica da apprendere, fra l’altro una volta per tutte. Col risultato paradossale, in quest’ottica dell’apprendimento una volta per tutte di alcuni rudimenti, ci si tornerà fra poco, che gli umanisti si ritrovano poi a maneggiare un linguaggio informaticamente obsoleto come XML. Gli umanisti, in questa dimensione un po’ autodidatta e di apprendimento appiattito sulla pratica, corrono il rischio, perlomeno in alcuni ambiti (quello ad es. del markup testuale, contrariamente a quanto avviene nell’ambito della linguistica) di mantenere in vita dei veri e propri cadaveri dal punto di vista informatico, finendo così per penalizzare fortemente se stessi. Le potenzialità che dovrebbero scaturire dall’incontro fra questi due paradigmi di rappresentazione della conoscenza, quello umanistico-analogico e quello informatico-digitale, in alcuni ambiti, soprattutto per un problema di inadeguatezza tecnica, rischiano di restare al livello di dichiarazioni di intenti, di aspirazioni anche un po’ vaghe e confuse. Dicevo, e sottolineo, in alcuni ambiti. L’esistenza stessa di luoghi come l’Istituto di Linguistica Computazionale è la dimostrazione che in alcuni ambiti questo connubio ha funzionato e funziona benissimo, e ad es. la linguistica computazionale è una realtà che sa definire stessa, sa identificare i propri oggetti, ha creato una scuola, ha ottenuto e ottiene i propri risultati, condivide metodi e protocolli, ha dimostrato in conclusione che l’incontro fra informatica e linguistica produce un surplus di conoscenza rispetto a una linguistica affidata solo ed esclusivamente alle potenzialità della cognizione umana e ai limiti della possibilità di elaborazione dei dati da parte della struttura cerebrale umana. Al contrario, non possiamo riscontrare gli stessi felici risultati nell’ambito che mi riguarda più strettamente, quello filologico, quello cioè in cui si guarda al testo non, o almeno non esclusivamente, come specimen di un codice linguistico ma come vettore di trasmissione di un’opera. Aggiungo, per circoscrivere ancora di più il discorso, che il punto di vista da cui guardo io al problema è quello della filologia romanza, che ha a che fare con una testualità molto particolare sia nella sua forma di espressione che di trasmissione, e che, almeno sulla carta, avrebbe dovuto giovarsi in modo particolare di questo incontro con le potenzialità offerte dall’informatica, ma, in epoca di bilanci, si trova invece ancora in una fase forse fin troppo balbuziente.

La valutazione critica dell’esperienza ‘edizioni digitali’ è un tema serpeggiante fra gli addetti ai lavori, e viene in primis (cosa che rende queste valutazioni ancor più significative) da personalità i cui nomi sono stati implicati in prima linea nella storia della costruzione della disciplina stessa. Tanto per citare qualche esempio significativo:
1. Nel 2014, a Stoccolma, Peter Robinson presentava una comunicazione dal titolo ancora speranzoso, The Digital Revolution in Scholarly Editing: speranzoso nel titolo, ma di fatto un elenco di tutta una serie di esempi di edizioni digitali che NON rappresentavano una rivoluzione;
2. Nel 2018, Barbara Bordalejo era decisamente tranchant affermando: Digital versus Analogue Textual Scholarship or The Revolution is Just in the Title;
3. Nel mezzo, nel 2016, Roberto Rosselli Del Turco, in The Battle We Forgot to Fight: Should We Make a Case for Digital Editions?, tirava un po’ le fila del discorso per cercare di capire “Where the problem lies”.

Esiste dunque un problema, come tale percepito da molti, ed è il problema di quella che sembra a tutti gli effetti una rivoluzione mancata. O, se volessimo assumere un atteggiamento più ottimista, una rivoluzione non ancora innescata.

Dal mio punto di vista, l’ho già accennato, un primo e fondamentale problema deriva dalla distanza che si è creata nell’ambito filologico, a differenza di quello che è avvenuto in quello strettamente linguistico, fra filologi e informatici. Forse, da una parte, quello della rappresentazione testuale e delle sue dinamiche produttive è un ambito meno interessante per il mondo informatico, che si è così sottratto con disinvoltura al fardello di un lavoro fianco a fianco. Di sicuro, dall’altra parte, si è registrata purtroppo la pigrizia e l’inerzia del mondo umanistico, che ha sì facilmente assimilato l’idea del markup testuale, rispondente a categorie di analisi in linea con la mentalità umanistica, ma ha finito poi per puntare soprattutto su una questione di visualizzazione, subendo un po’ eccessivamente la facile seduzione della ‘dimensione Internet’, e, in questo adagiarsi, a un certo punto ha smesso di teorizzare. Il risultato deleterio è che alla data odierna realizzare un’edizione digitale sembra spesso ridursi a un’operazione di mero apprendimento di una tecnica da applicare.

La dinamica del dialogo fra i due mondi e paradigmi epistemologici dovrebbe essere invece, a mio avviso, quella all’origine stessa di quest’avventura, l’avventura cioè del connubio fra informatica e saperi umanistici.

Padre Roberto Busa contatta Thomas J. Watson e gli chiede se sia possibile compiere una certa operazione, cioè analizzare automaticamente i testi in latino di Tommaso d’Aquino. Watson lo invita a mettere per iscritto il suo progetto per sottoporlo alla valutazione degli ingegneri IBM – passaggio metodologico per me fondamentale – i quali in un primo momento rispondono con un liquidatorio “è tecnicamente impossibile”. Al che scatta l’aneddoto. Busa dapprima chiede come sia possibile definire qualcosa ‘impossibile da realizzare’ prima ancora di aver tentato di realizzarla, poi c’è la famosa riconsegna nelle mani di Watson del biglietto con lo slogan IBM The difficult we do immediately, the impossible takes a little longer dal momento che, evidentemente, si trattava di uno slogan che non rispondeva a verità. Al che Watson è punto nell’orgoglio e prende avvio l’avventura Index Thomisticum.

E la storia che segue è costantemente la storia di un tandem, di due cervelli, quello di padre Roberto Busa e quello del fido ingegnere Paul Tasman, che non è certo il servo sciocco di Busa, la mano armata, bensì l’interlocutore altro da sé, portatore di una forma mentis e di competenze ontologicamente altre.

Questo è dunque il punto importante secondo me, e ciò che manca attualmente allo scenario: la modellizzazione puramente teorica, il proporre l’idea di edizione che si vorrebbe, in tutte le sue sfaccettature, lanciata come sfida agli informatici per verificare cosa è possibile fare nel migliore dei modi con le tecniche attuali, e per trovare soluzioni per quel che, allo stato attuale dei fatti, non è possibile fare o è possibile fare solo in modo rozzo. Forse alla data di oggi potrebbe non essere possibile avere quello che in quanto filologi vorremmo, la nostra edizione ideale, ma sicuramente lavorandoci lo diventerà domani. E da qui il titolo che ho proposto e che vuole evocare un articolo visionario che è per me storicamente fondamentale, non solo perché rappresenta l’anticamera di quello che è il mondo digitale attuale ma perché, al pari della sfida lanciata da Busa all’IBM, è emblematico di quello che dovrebbe essere l’atteggiamento: mi riferisco cioè a quel As We May Think, pubblicato nel luglio 1945 sulle pagine del «The Atlantic Monthly», in cui l’ingegnere Vannevar Bush delinea la fisionomia del Memex, un’idea che nasce dalle suggestioni offerte dai livelli tecnologici raggiunti e che lancia una sfida alla tecnologia stessa creando mentalmente l’oggetto prima che esistano le condizioni per la sua realizzazione concreta.

Due sono i punti fondamentali di questa vicenda: l’elaborazione di modelli e il rapporto vivo e di interscambio fra i due mondi.

Questa effervescenza creativa nell’ambito del connubio fra dati testuali e loro possibile forma di rappresentazione informatica è decisamente venuta meno, e troppo spesso ci si è appiattiti sulla prospettiva del fare quello che si può con i mezzi e le competenze che si hanno. Tradotto ancora più brutalmente, la produzione di edizioni digitali sembra ormai coincidere con la realizzazione più o meno faticosa di un file XML secondo le direttive TEI, file XML più o meno complesso, il più delle volte, bisogna ammetterlo, meno complesso che più. E a partire da questo atteggiamento si è creato il pericoloso gap già citato, pericoloso per le sue ricadute sull’efficienza effettiva di quanto andiamo producendo: gli informatici da una parte guardano probabilmente anche con un po’ di sdegno a quest’uso di XML, cioè di un linguaggio ampiamente archiviato nell’esperienza informatica, e gli umanisti dall’altra lo praticano soddisfatti, salvo poi toccare con mano a ogni piè sospinto tutti i limiti di XML e della fondamentale mancanza di standardizzazione dei processi che ruotano intorno a questo suo uso specifico. Comprensibilmente e anche giustamente la cosa che più sconcerta e delude gli studenti che si avvicinano a questo mondo è proprio quello di constatare che, dopo aver faticato (più che notevolmente se si usano strumenti come Oxygen) per avere sulle mani un file XML, se non viene attivato anche il processo di trasformazione in qualcos’altro, che ne permetta la visualizzazione, non vedono nulla. Ed è assai difficile far comprendere loro che è giusto che sia così perché, come ci ricorda sinteticamente il W3 Consortium: XML Does not DO Anything. Il compito di XML è infatti quello di ‘avvolgere’ i dati per garantire perennizzazione e trasmissibilità, indipendentemente da tutto: hardware, software, simpatie umane, disguidi linguistici, tempo e spazio ecc.

Il problema è che la TEI si arresta alla fase delle indicazioni su come costruire il file XML, indicazioni che fra l’altro soffrono secondo me di un grosso limite, quello di presentarsi cioè come raccomandazioni, di offrire varie alternative, e non rappresentare uno standard fisso. Il risultato è che dieci file XML prodotti nel contesto di dieci progetti differenti ma nello stesso ambito, poniamo ad es. edizione di testi in antico francese, presenteranno dieci combinazioni differenti dei tag messi a disposizione dalla TEI. Se l’obiettivo è l’interoperabilità dei dati, è evidente che in questo modo l’interoperabilità salta. Apparentemente parliamo tutti lo stesso linguaggio, ma ognuno dispone in modo diverso, più o meno diverso, i vocaboli di questo linguaggio. L’interscambio è reso difficoltoso e l’interoperabilità, il riuso dei dati, resta una dichiarazione d’intenti e un bel mito (sfatato).

Una delle conseguenze più gravi, a mio avviso, dello scollamento che si è prodotto fra mondo umanistico e mondo informatico, dopo l’accordo iniziale, consiste nel perpetuarsi per inerzia dell’utilizzo di XML come linguaggio per eccellenza nell’ambito del markup testuale. Conseguenza ancora peggiore è stata poi la successiva identificazione della iniziativa TEI con l’utilizzo di XML, tanto che dire TEI significa automaticamente dire XML.

È oggettivo che, dal punto di vista informatico, XML è un linguaggio ampiamente superato. Perpetuandone l’uso in ambito umanistico si ricade perciò in quel rischio di ‘archeologia informatica’ praticata da parte degli umanisti di cui si diceva al principio. Se però, benché obsoleto, XML rispondesse perfettamente alle nostre necessità di analisi testuale, si potrebbe anche opporre all’argomento dell’obsolescenza informatica quello della piena funzionalità umanistica, e giustificare quindi il suo utilizzo in nome dell’efficienza. Ma, in tutta onestà, sappiamo benissimo che non è così: la creazione di un’edizione digitale è innanzitutto scontro con le problematiche, intellettuali e non solo tecniche, poste dalla sintassi XML, in primo luogo il drammatico problema dell’overlapping. Ed è di fronte a queste problematiche che si impone la necessità di riprendere in mano la teorizzazione del sistema alla radice.

Se il ‘problema XML’ fosse solo tecnico, l’argomento a suo sfavore non sarebbe a mio avviso sufficientemente solido. Spesso, quando si parla di XML, se ne depreca il suo essere eccessivamente (molto eccessivamente) verboso. Vero, ovviamente. Ma la verbosità del linguaggio è un problema, anzi un fastidio, per l’essere umano, non certo per la macchina. Il fastidio, la difficoltà si trasforma in problema drammatico che compromette i risultati solo nel momento in cui si pretende di scrivere il codice di un file XML direttamente, a mano, con strumenti come Oxygen, tag dopo tag. Ma se si affida a degli editor concepiti ad hoc per le esigenze XML-testuali il compito di creare il codice a partire da input semplificati nella scrittura, la verbosità diventa un problema relativo.

Il problema rispetto ad XML è molto più radicale ed esula dall’aspetto tecnico, ed è un problema di natura teorica che va affrontato e risolto sul piano teorico: adottare XML come linguaggio di markup testuale significa automaticamente proporre una visione del testo come struttura rigidamente gerarchica.

È su questo aspetto che si innesta quello che a mio avviso è il vero problema, ed è un problema certo non meramente tecnico ma squisitamente intellettuale: l’albero XML è effettivamente un modello di organizzazione dei dati, e quindi di rappresentazione della conoscenza, adatto a formalizzare la natura del testo? il testo è effettivamente una struttura gerarchica? e in questo caso, è una gerarchia da quale punto di vista? esiste una gerarchia assoluta del testo che è dominante? la gerarchia è quella della costruzione narrativa? qual è il modello gerarchico di costruzioni narrative come “Se una notte d’inverno un viaggiatore”? e la “Recherche” di Proust con la sua madeleine è definibile come costruzione gerarchica? la gerarchia è forse quella espressa dall’organizzazione tipografica?

Dal mio punto di vista il testo è piuttosto una sequenza lineare di parole che si addensano di volta in volta in una molteplicità di strutture a seconda del punto di vista che si adotta. Quanto alla traduzione tecnica di tale complessità, di tale convivenza simultanea di differenti articolazioni del dato testuale (unico e fisso) a seconda della lente (delle molteplici lenti) di analisi applicata, immaginerei quindi una struttura di rappresentazione informatica del testo in cui dato e analisi del dato, ovvero la sua descrizione, siano completamente separati, in cui cioè il markup non sia immerso nel testo stesso. Vale a dire l’esatto opposto di una codifica XML-TEI, dove i tag, cioè i filtri descrittivi, ‘contaminano’ la sequenza dei dati.

E veniamo al secondo problema dopo quello se il testo sia o meno una struttura gerarchica e se quindi XML sia o meno il linguaggio corretto per la sua rappresentazione. Questo secondo problema del sistema di marcatura TEI è relativo al fatto di mescolare indistintamente le varie prospettive di analisi. Nel testo convivono cioè, in un melting pot senza possibilità di distinzione, tutti sullo stesso piano, tanto dei tag che riguardano la fisicità del documento quanto dei tag che riguardano la semantica del testo. E questo mi sembra un altro elemento teoricamente piuttosto discutibile. Se rimanessimo nell’ambito XML si potrebbe, per esempio, pensare almeno di classificare i tag in base alla loro prospettiva di analisi, e, sempre per esempio, esprimere questa prospettiva attraverso un prefisso da associare al nome del tag.

Tuttavia l’immersione del markup, qualunque esso sia, direttamente nella trama del testo fa emergere a mio avviso un altro problema: il testo risulta a questo punto viziato dalle scelte di markup contestuali alla realizzazione del markup stesso, e inchiodato al contesto e alle finalità specifiche, ma accidentali, per cui è stato prodotto. In altre parole, mentre una rappresentazione del dato testuale che prevede una scissione completa del livello-dato dal livello/livelli-analisi permette di immaginare una situazione in cui il dato testuale, prodotto da una figura dotata di tutta una serie di competenze, viene offerto alla comunità come span style=”color: #800080;font-weight: bold”>“dato aperto”, cioè un dato su cui si possono applicare a piacimento tutti i filtri di analisi possibili e immaginabili senza replicare il lavoro di produzione del dato stesso, nel momento in cui questo stesso dato è fuso con la sua analisi, che è per forza di cosa una specifica analisi, il prodotto è bloccato e non permette di intervenire su di esso. È stata cristallizzata una determinata prospettiva, e una prospettiva differente richiederebbe di replicare la produzione del dato per poterlo associare a un nuovo sistema di markup, espressione di un differente livello di analisi.

Considerando tutta la serie delle problematiche esposte, è lecito infine porsi una domanda: ma perché non possiamo cercare un’alternativa a XML?

In realtà è la stessa TEI che implicitamente ci invita a farlo, anche se per quell’inerzia già citata ci siamo adagiati sull’XML e la sua sintassi in fondo estremamente semplice da comprendere e interiorizzare per un cultore delle discipline umanistiche. Mi sembra fondamentale sottolineare il fatto che nel linguaggio comune (ovviamente il linguaggio comune del mondo accademico dedito agli studi testuali) si sia caduti nella trappola di parlare di XML-TEI o TEI-XML come se si trattasse di un’associazione ontologica: la TEI si esprimerebbe per sua essenza attraverso l’XML. In realtà non è così. La TEI, Text Encoding Initiative, esiste ed esisterebbe a prescindere dall’utilizzo di XML: si tratta di un’idea, di un’iniziativa, di una prospettiva, di un’istituzione se vogliamo, la quale promuove l’importanza della codifica semantica nell’ambito della testualità digitale. Ma il fatto di esprimersi attraverso l’XML è un puro accidente, non certo l’essenza della TEI. E sono le stesse Guidelines a metterci in guardia, e proprio fra le prime righe:

Volendo sintetizzare:
1. XML non è più il dominatore dei linguaggi di markup,
2. La TEI non dipende da questo linguaggio,
3. Lo schema di codifica TEI può essere riformulato in altri linguaggi più efficaci,
4. Perché allora stiamo utilizzando ancora XML?

Mi sembra che, in ogni caso, anche se si volesse continuare a utilizzare XML, nulla osti, volendo rimanere nel solco di un’iniziativa come la TEI, al fatto di sperimentare linguaggi alternativi, osare altre soluzioni. Ma qui entra in gioco, e risulta determinante, l’interesse attivo del mondo informatico perché è solo dal mondo informatico, reso edotto delle nostre (degli umanisti) necessità, e quindi un mondo informatico interessato a comprendere le problematiche poste dal dato testuale e dalla sua analisi, che può arrivare la risposta, la proposta tecnica adeguata al soddisfacimento di problematiche di natura intellettuale.

E torniamo all’iniziale Giano bifronte che guarda in una sola direzione: maggiore ingerenza degli informatici da una parte e maggiore arditezza degli umanisti dall’altra, i quali, insieme, dovrebbero a questo punto riaprire una fase di elaborazione di possibilità piuttosto che di replica di quello che c’è a disposizione.

Un’ultima notazione riguarda, molto più a monte dell’elaborazione dell’edizione informatizzata ideale, il tentativo di risposta alla domanda che lo studente, ma non solo lo studente, pone istintivamente e giustamente, e che implicitamente richiede una risposta che abbia anche valore persuasivo, per auto-convincere se stessi a sobbarcarsi eventualmente il peso di un’ulteriore fase di formazione e di un surplus di lavoro:
“Ma in cosa si distinguerebbe un’edizione entrata in contatto col mondo dell’informatica rispetto a una rassicurante e ben nota edizione cartacea?”
E, secondo problema:
“Sulla base di quali criteri si possono distinguere i prodotti testuali che si avvalgono del medium digitale?”

È intuitivo che una cantica della “Divina Commedia” messa in circolo nell’ecosistema digitale attraverso una pagina HTML non sia affatto l’equivalente della medesima cantica i cui dati costituivi sono stati incapsulati in una struttura, auspicabilmente, semantica a firma TEI. Ma quali sono i parametri ufficiali che permettono di distinguere teoricamente e rigidamente i due prodotti al di là delle intuizioni?

A lungo si è registrata la tendenza, talvolta perfino spasmodica, a cercare di dimostrare la supposta evidenza del fatto che, attraverso l’informatica, si stesse creando un nuovo oggetto editoriale prima sconosciuto, per il quale addirittura non esisteva nome

Posizioni come quella di Elena Pierazzo, che ha proposto l’espressione Digital Documentary Edition come supposta definizione nuova per un oggetto nuovo, mi sembrano in realtà innecessarie. Ed è una proposta che ha sollevato critiche abbastanza aspre nei resoconti di Peter Robinson e Barbara Bordalejo, semplicemente perché l’oggetto editoriale di cui stiamo parlando, al di là della forma in cui si esprime, è né più né meno, concettualmente, l’edizione diplomatica, cioè l’edizione orientata al documento. Perché quindi non dire semplicemente Digital Diplomatic Edition, cioè un’edizione diplomatica che si avvale, che si può avvalere, a diversi livelli, dello strumento informatico e che, grazie ad esso, può esprimere, conservare aspetti del documento che erano taciuti, negletti, a cui si rinunciava nell’ambito cartaceo, o che si esprimevano con difficoltà. La definizione però ha avuto una certa diffusione e l’International Network of Editors of Diplomatic Documents con un eccesso di zelo arriva a parlare di Digital Diplomatic Documentary Editions.

Dal mio punto di vista non necessitiamo in realtà di nuove definizioni. Come filologi abbiamo alle spalle secoli di tradizione consolidata, ed efficace, non come l’inerzia XML di cui sopra. E direi che, al netto delle sfumature, possiamo continuare a coltivare due grandi prospettive editoriali: quella orientata al Documento e quella orientata al Testo. In questo senso non si tratta di creare nuove forme di edizioni, bensì di avere la possibilità di potenziare queste due prospettive, grazie al connubio con un mondo che ci offre la risorsa eccezionale dell’‘automazione del trattamento dell’informazione’, per tornare a quella che è l’etimologia del neologismo ‘informatica’. Il che significa apprendere un metodo di lavoro differente da quello a cui siamo abituati: la sfida della chiarezza insindacabile (e in certi casi manichea) imposta dal free-context contro la contestualizzazione perpetua e multi-tasking del nostro cervello; la disponibilità di possibilità tecniche che permettono di superare alcuni limiti dell’immobilismo cartaceo; l’opportunità di lavorare su larga scala, su corpora, su moli di dati non gestibili dal cervello umano senza sostegno.

L’informatica quindi come strumento di potenziamento delle forme editoriali, cioè di approccio al testo, che abbiamo già elaborato nelle loro direttive principali.

Resta ancora da trovare un elemento che non solo costituisca il criterio fondamentale sulla base del quale sostenere l’esistenza di una differenza significativa fra la realizzazione di un’edizione in formato cartaceo e quella di un’edizione in formato informatizzato (se possibile, e se il contesto lo permette, preferisco sempre l’aggettivo ‘informatico’ a ‘digitale’, per l’etimologia di cui si è detto sopra), ma che permetta anche di stabilire un discrimine fra i vari prodotti editoriali su supporto digitale.

Peter Sahle ha introdotto una definzione che appare molto convincente ed è molto citata, e il cui cuore è: “A digital edition cannot be given in print without significant loss of content and functionality”. Se così non è, non siamo di fronte a un’edizione digitale (digital) ma a un’edizione digitalizzata (digitized).

A lungo mi è sembrata una buona definizione, e un buon discrimine, ma alla lunga, inoltrandomi sempre più a fondo nelle pieghe della problematica, tale definizione non mi ha più soddisfatto pienamente. Essa chiama in causa in primo luogo questo aspetto estremamente fisco – l’edizione autenticamente digitale come edizione che non può essere stampata – che è oggettivamente corretto ed è anche la base di partenza, ma che a mio avviso non penetra fino in fondo nel cuore del problema.

Probabilmente mi ritroverò a dire la stessa identica cosa semplicemente con parole diverse, ma la parola diversa finisce comunque, quasi sempre, per trascinare con sé anche solo una sfumatura di significato, o un’angolazione di prospettiva, different. Dal mio punto di vista direi piuttosto che l’edizione digitale, per essere tale, DEVE essere una edizione machine-readable. Infatti, dicendo questo implico il fatto che tutta la struttura dei dati e degli strati di analisi è stata necessariamente formalizzata al più alto grado per renderla leggibile in modo automatico e acontestuale da parte di una macchina. L’edizione digitale è quindi un prodotto della nostra attività di analisi in cui il dato testuale è manipolabile, ed è proprio la condizione di manipolabilità a rappresentare, a mio avviso, il vero elemento di differenza rispetto all’immobilismo e all’intoccabilità del dato cristallizzato su supporto cartaceo. Probabilmente si sta affermando la stessa cosa sottesa alla definizione di Sahle, ma mi sembra estremamente importante passare dal sotteso all’esplicito per quanto riguarda questo aspetto, anzi duplice aspetto – il fatto di essere manipolabile e quello di essere machine-readable –, perché è proprio questa caratteristica che intellettualmente può rappresentare un argomento a favore nel processo di persuasione degli umanisti eventualmente scettici rispetto all’elemento informatico.



Citer ce billet
Marta Materni (2024, 21 février). As We May Edit. Risalire dalla pratica alla teoria nell’ambito dell’edizione filologica potenziata dal digitale. Florimont et Troie numériques. Consulté le 24 juin 2024, à l’adresse https://doi.org/10.58079/vvie

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.